Sezione Archeologica

La necessità di valorizzare il patrimonio archeologico del territorio biellese che da sempre è stata tra le priorità dell’Amministrazione Comunale della città di Biella e che aveva già avuto un primo riscontro nello storico Museo Civico sito nel palazzo della Biblioteca, si è riaffermata con forza con la decisione, negli anni Novanta, di allestire presso il Chiostro di san Sebastiano un’ampia sezione che attraverso i reperti raccontasse la storia del territorio biellese ed a questo rimandasse con un dialogo costante tra isitituzione museale e luoghi della storia.

Al primo allestimento dedicato alla Sezione Egizia, ha fatto seguito, nel 2004, l’apertura della Sezione Archeologica con l’esposizione di materiali del nucleo storico del vecchio Museo Civico e che copriva i periodo pre-protostorici, della romanizzazione e si limitava, per l’età romana, al contesto della necropoli di Biella-via Cavour.

La necessità di documentare e rendere fruibile al più vasto pubblico il cospicuo complesso di reperti paleontologici di proprietà civica, fondamentali per la ricostruzione della più antica formazione del territorio biellese e di altri importanti complessi archeologici emersi da scavo, anche per l’età medievale, ha visto impegnati, in sinergia, la città di Biella, la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie e la Regione Piemonte, in un nuovo percorso espositivo, inaugurato nel maggio 2011.

Sono ora completamente fruibili al pubblico le seguenti sezioni:

Sezione Paleontologica

Sezione Archeologica del territorio

Età Preistorica e protostorica

Età della Romanizzazione: la Bessa e Cerrione

Età romana: le necropoli e il popolamento

Età medievale

Sala della montagna

Sezione Egizia

La Piroga di Bertignano