Età medievale

La sezione medievale costituisce una novità del nuovo allestimento e, organizzata per grandi isole tematiche, documenta importanti complessi archeologici emersi da anni di attività archeologica sul territorio e la città di Biella.

L’affermarsi del cristianesimo evidenzia il passaggio dalla tarda età romana al medioevo: l’evoluzione del costume funerario, riproposto con suggestive ricostruzioni tombali, e i cambiamenti nel culto, esemplificati dallo scavo della chiesa paleocristiana di Dorzano, fanno percepire al visitatore l’impianto di un’articolazione cristiana stabile e articolata, evidente segno di cambiamenti profondi visibili anche nel passaggio, in campagna, da un modo di abitare di tipo sparso ad uno accentrato intorno alla chiesa battesimale, vero centro di cura d’anime.

Dalle importanti attestazioni di epoca longobarda testimoniate da reperti dal centro cittadino, segue il nucleo episcopale di Bugella riproposto nei suoi momenti fondamentali mediante un supporto multimediale, mentre ricostruzioni grafiche accompagnano la documentazione materiale  – armi, ramponi e oggetti d’abbigliamento in ferro – proveniente dalle alture biellesi in cui si consumò lo scontro, conclusosi nel 1506, tra la chiesa ufficiale e l’eresia dolciniana.

La vita nei castelli e nelle fortificazioni, segno del potere e del controllo sul territorio di signori laici ed ecclesiastici è efficacemente presentata con l’esposizione di suppellettile rinvenuta negli scavi e affiancata da dettagliati disegni che ne sottolineano alcuni momenti salienti.

I lavori di restauro e rifunzionalizzazione del complesso di San Sebastiano, attuale sede del museo, e di palazzo Lamarmora sul Piazzo hanno consentito il recupero di importanti materiali – come il ripostiglio di monete d’argento cinquecentesche, ceramiche da mensa e documenti della vita monastica – che chiudono idealmente il percorso espositivo sulla città di Biella fino alla modernità rappresentata, ancora una volta, da prodotti di attività artigianali come le manifatture delle ceramiche note come “bielline”.

Sezione Archeologica del territorio (Età medievale) foto 01
Sezione Archeologica. Età medievale.
Ricostruzione di struttura tombale in laterizi e epigrafe funeraria.


Sezione Archeologica del territorio (Età medievale) foto 02
Sezione Archeologica. Età medievale.
Panoramica della sala.


Sezione Archeologica del territorio (Età medievale) foto 03
Sezione Archeologica. Età medievale.
Strumenti e armi legati alle vicende dolciniane (inizio XVI secolo) e reperti rinvenuti a Castelletto Cervo (XIV-XVI secolo).


Sezione Archeologica del territorio (Età medievale) foto 04
Sezione Archeologica. Età medievale.
Ceramiche medievali rinvenute durante gli scavi di palazzo Lamarmora, sulla collina del Piazzo.


Sezione Archeologica del territorio (Età medievale) foto 05
Sezione Archeologica. Età medievale. Area di santo Stefano.
Ceramiche di epoca longobarda.


Sezione Archeologica del territorio (Età medievale) foto 06
Sezione Archeologica. Età medievale. Biella, area di Santo Stefano.
Fiaschetta invetriata longobarda, caratterizzata dalla tipica decorazione a punzonatura (VI secolo d.C.).